» » LE FOGLIE DI ALLORO E I LORO BENEFICI

LE FOGLIE DI ALLORO E I LORO BENEFICI

Alloro

L’alloro è un arbusto cespuglioso sempreverde, tipico delle aree mediterranee, che si adatta però anche a climi più freschi. Cresce in maniera spontanea soprattutto nei boschi e nelle zone collinari, dove può raggiungere i 10 metri di altezza, ma può essere coltivato in qualsiasi orto o giardino.
Presenta foglie ovali e lucide di colore verde scuro, fortemente aromatiche, ed è proprio ad esse, insieme alle bacche e ai piccoli fiori di colore giallo, che vengono attribuiti i maggiori benefici derivanti da questa pianta.
Le foglie di alloro possono essere raccolte e utilizzate tutto l’anno, ma risultano particolarmente ricche di principi benefici e di essenze aromatiche durante l’inverno e all’inizio della primavera.
Si conservano previa essicazione per non più di un anno.

Fin dall’antichità, l’alloro è simbolo di gloria, sapienza, di pace e protezione, e la sua azione benefica nei confronti della cura delle malattie è conosciuta già dalla civiltà greca e romana. Le proprietà dell’alloro sono dovute al suo ricco contenuto di oli essenziali.
Tra i componenti presenti nelle foglie troviamo eugenolo e limonene, accompagnati da altre sostanze volatili attive, ritenute benefiche per via delle loro proprietà antisettiche, antiossidanti, digestive e anticancro.
Le foglie fresche d’alloro sono anche una fonte importante di vitamina C. 100 grammi ne contengono infatti 46,5 milligrammi, circa il 77% delle dosi giornaliere raccomandate. La vitamina C, o acido ascorbico, è uno dei più potenti antiossidanti naturali in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi. Ha inoltre effetti anti-virali, stimola il sistema immunitario e favorisce la guarigione delle ferite. Le foglie d’alloro, per di più, quando sono fresche, sono una buona fonte di acido folico. Ne contengono circa 180 milligrammi ogni 100 grammi. L’acido folico è importante per la sintesi del DNA, e nel corso della gravidanza previene la comparsa di difetti nel bambino alla nascita.

Le foglie d’alloro contengono anche Vitamina A, indispensabile per il mantenimento della salute della vista, della pelle e delle mucose. Il consumo di alimenti ricchi di Vitamina A protegge dall’insorgere del cancro ai polmoni. Sono presenti inoltre vitamine del gruppo B, come la niacina e la riboflavina. Le vitamine del gruppo B regolano il metabolismo, contribuiscono alla sintesi degli enzimi e al funzionamento del sistema nervoso. Da non sottovalutare, infine, è il contenuto di Sali minerali. All’interno delle foglie, infatti, troviamo potassio, rame, calcio, manganese, ferro, selenio, zinco e magnesio. Il potassio è importante per mantenere sotto controllo la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, mentre il ferro è necessario per la produzione dei globuli rossi.

In erboristeria e in medicina naturale vengono riconosciute all’alloro proprietà astringenti, diuretiche e stimolanti dell’appetito. Agevola la digestione, rinforza lo stomaco, e aiuta a contrastare la dissenteria, soprattutto nei bambini. L’acido laurico contenuto nelle foglie possiede inoltre proprietà repellenti naturali contro insetti e parassiti.
I componenti vengono infine impiegati per la produzione di medicinali che trattano l’artrite, i dolori muscolari, la bronchite e i sintomi dell’influenza. E’ infatti un ottimo espettorante, che aiuta a contrastare gli stati febbrili e la tosse grassa. L’estratto di foglie è benefico negli stati di stanchezza di origine nervosa, e si è rivelato utile come coadiuvante nel trattamento dell’emicrania.

Gli impieghi più comuni dell’alloro riguardano la preparazione di pietanze regionali e di liquori, ma molto diffuso è anche l’infuso ottenuto dalle foglie e dalle bacche, che favorisce la digestione e aiuta ad espellere i gas dall’apparato gastro-intestinale; viene impiegato inoltre per alleviare i dolori di stomaco e quelli causati dalle coliche. Il vino medicato, invece, è un tonico naturale per l’apparato digerente.
Per quanto riguarda l’uso esterno, in caso di dolori articolari, reumatismi e artrosi, è possibile utilizzare del macerato oleoso o decotto, a base di foglie d’alloro o bacche, per effettuare dei massaggi benefici o degli impacchi. Si tratta di un rimedio utile anche in caso di attacchi di sciatica, distorsioni e slogature, ed è un ottimo rinfrescante per i pediluvi.

Infuso di Alloro

INFUSO DI ALLORO

L’infuso di alloro svolge funzioni digestive, espettoranti, antireumatiche, rilassanti, e contrasta efficacemente i disturbi dell’apparato respiratorio e dell’intestino (catarro, febbre, meteorismo). Non sono noti fenomeni particolari di reazioni allergiche agli infusi, che andranno tuttavia consumati con moderazione nell’arco della giornata, senza eccedere la 4 tazze al giorno.
A seconda delle affezioni che si vogliono curare, si dovranno utilizzare, per la preparazione dell’infuso, le diverse parti della pianta: foglie, bacche o fiori, che si possono trovare in erboristeria. Le bacche sono utilizzate anche per la realizzazione di olii e oleoliti. L’alloro è una pianta sempre verde: le foglie sono quindi sempre rinvenibili, mentre il periodo della fioritura e della raccolta delle bacche è quello primaverile. A seconda delle ricette, dovrà essere utilizzato fresco o essiccato; in ogni caso, andrà lavato accuratamente sotto acqua corrente e poi asciugato con un canovaccio di cotone, lino o con carta assorbente. Per l’essicazione sarà sufficiente disporlo su un canovaccio e lasciarla all’aria in un luogo buio e asciutto, avendo cura di girare le foglie, le bacche e i fiori di tanto in tanto.

Per favorire la digestione

Portare a temperatura di ebollizione, ma senza farla bollire, 120 ml di acqua. Ponete tre foglie di alloro spezzettate in una tazza e ricopritele con l’acqua bollente. Aggiungete una scorzetta di limone non trattato e lasciate macerare il tutto per 10-15 minuti. Dolcificate con poco zucchero di canna o miele, e bevete l’infuso quando è ancora molto caldo.

Per la cura di disturbi all’apparato respiratorio (in presenza di catarro)

E’ necessario mettere in infusione per almeno 30 minuti i fiori essiccati dell’alloro, pari a 40 grammi per 1 litro di acqua, che poi verranno filtrati con cura utilizzando un colino a trama fitta. L’infuso va bevuto quando è ancora molto caldo, nella misura massima di 4 tazze da tè al giorno.

Per far calare la febbre

Assumete un infuso di alloro fatto con 5 o 6 foglie spezzettate, lasciate macerare in una tazza di acqua bollente per almeno 15 minuti. Andrà bevuto molto caldo, la sera prima di andare a letto, poiché favorisce la sudorazione e il rilassamento. Bevuto tiepido a piccoli sorsi dopo i pasti, favorisce il rilassamento, aiuta la digestione e combatte la formazione di gas intestinali.

Sommario
Titolo
LE FOGLIE DI ALLORO E I LORO BENEFICI
Descrizione
Fin dall’antichità, l’alloro è simbolo di gloria, sapienza, di pace e protezione, e la sua azione benefica per la cura delle malattie è conosciuta.
Autore

Lascia una risposta